Diffondi il tuo Brand, Migliora la tua Comunicazione, Invadi il Web!

Twitter è un mondo fatto di immagini, non di testi

Twitter e le immaginiPensate che Twitter sia un luogo in cui scambiarsi frasi, aforismi e testi brevi? Vi sbagliate di grosso, Twitter è ufficialmente il social network delle immagini.
A rivelarlo è un’indagine scovata sul tumblr di LTU Technologies, società che si occupa di riconoscimento immagini e tracciamento dei contenuti visivi.
La cosa non dovrebbe stupire se pensiamo che il messaggio più retwittato del mondo è un’immagine, parliamo del famigerato abbraccio tra Obama e la moglie dopo la rielezione, e che una delle occupazioni preferite degli utenti twitter è fotografare tutto ciò che li circonda, con particolare predilezione per il cibo, i gatti, i bicchieri di Starbucks e se stessi.
Secondo questa indagine, ben il , mentre gli aggiornamenti di stato rappresentano solo il 7% della totalità di Twitter, la stessa percentuale dei link sbagliati. Praticamente è come creare un’automobile e scoprire che la gente ne sigilla i vetri e la usa come vasca da bagno.
Questo dato porta con sé una conseguenza importante: se l’immagine è il contenuto più importante di twitter, molte delle indagini e delle metriche basate sul testo rischiano di perdere valore.
A beneficiare maggiormente di una ricerca basata sulle immagini sarebbero i venditori di bevande e birra, seguiti da i marchi di lusso, che il 56% delle volte in cui vengono nominati non hanno una menzione diretta del proprio nome all’interno del tweet.
E quali sono i brand più condivisi su twitter nelle varie categorie? In testa alla categoria dei fast food e del cibo in generale troviamo Starbucks, che probabilmente conquista la posizione grazie alle centinaia di ragazzini (più o meno cresciuti) che postano una foto di loro mentre bevono un frappuccino, nelle bevande analcoliche regna ovviamente la Coca Cola, mentre tra le birra la più forte è la Bud Light. Nello sport il primo posto è di Adidas, mentre nel lusso vince Hermes, con buona pace di Tiffany e di altri grandi marchi di moda.
Certo, va anche detto che la società che promuove questa indagine vende proprio servizi legati al tracking delle immagini, quindi è forse un po’ partigiana, ma il dato è comunque interessante, indipendentemente dalla fonte.
Un altro mito da sfatare è che i gattini e il cibo siano tra le immagini più condivise su twitter, sempre secondo LTU Technologies il primato spetta agli oggetti, che si aggiudicano il 36% delle condivisioni i panorami sono al secondo posto, e il cibo è solo al terzo, col 20%. Addirittura gli animali sono quinti, col 9% delle condivisioni, superati perfino dalle attività di vario genere.
Dunque, cosa possiamo dedurre da questa sfilza di dati? Che il buon vecchio adagio “Un’immagine vale più di mille parole è valido anche nel mondo del marketing 2.0, che soltanto perché qualcuno non parla direttamente di qualcosa non vuol dire che non lo sta facendo, che più che diffondere un hashtag i marchi dovrebbero capire che immagini diffondono gli utenti e che il content marketing si fa anche, e soprattutto, con le immagini.
Lorenzo Fantoni (Brands Invader)

 

Fonte: http://blog.ltutech.com/
Photo Courtesy: www.blackberry.it
Scrivi un commento