Diffondi il tuo Brand, Migliora la tua Comunicazione, Invadi il Web!

#FoodTTT e social media: estetica, etica e viralità del “food”

Gli ospiti del Foodttt/rmLo confesso, diverse volte ne sono caduta vittima anche io: foto golosa scattata al  ristorante e condivisa a raffica su tutti i social network (Instagram in primis) per consigliare un ristorante, conservare il ricordo di una bella cena o per pura e semplice “foodporn-addiction”. Ma cosa ci spinge (sempre più compulsivamente) a cercare su social network e blog foto e profili che elogiano l’estetica del cibo? Perché il food è diventato uno dei social trend del momento? E che direzione sta prendendo il mercato alimentare?
Di tutto questo si è parlato a #FoodTTT: a tavola (non) si twitta!, evento organizzato da Socialabttt presso la Città dell’Altra Economia (e in contemporanea in altre città d’Italia) a cui Brands Invasion non poteva mancare!
Ospiti d’eccezione Elisa Ceccuzzi, la foodblogger e fotografa digitale di Kitty’s Kitchen, Enrico Erba della CAE (Città dell’Altra Economia), Angela Galasso dell’associazione AiCARE, Agenzia Italiana per la Campagna e l’Agricoltura Responsabile ed Etica e Giulio Riotta, fotografo professionista dal 2009, ex Cibando, impegnato in “un’opera di evangelizzazione dei ristoratori”.
foodttt/rmLa prima “portata” del #foodttt è il ruolo che il web e i social media hanno avuto in Italia per l’esplorazione di tematiche e progetti legati al food.
Elisa Ceccuzzi, da brava blogger, pone l’accento sul valore delle interazioni social e del grande potenziale di Twitter, da lei considerato come “canale social più importante e più aggregativo”.
Enrico Erba della Città dell’Altra Economia racconta la scelta della CAE di privilegiare la comunicazione via web e di puntare a sito web e Twitter come principali canali di promozione (certamente più efficaci della “classica” brochure!).
Angela Galasso racconta del progetto AiCARE, nato inizialmente come un blog (lombricosociale‎) poi sviluppato attraverso il sito web e altri canali social: anche lei parla del social media come strumento di interazione ma anche (e soprattutto) di punto di partenza per un confronto costruttivo e Il pubblico del #foodttt/rm, via @Al_Perri2incontro “reale” tra persone (“dal web agli incontri sul campo, solo così si esalta la socialità del cibo”). Infine con Giulio Riotta si passa all’importanza delle immagini di qualità nel food ma anche della necessaria cooperazione tra fotografi professionisti e food blogger: “sono troppi i blog di finti di esperti con tante foto e poca sostanza”.
Dall’importanza del social media come veicolo di informazione  e interazioni sul tema “food” si passa al social media come veicolo di “mangiar bene e dell’etica del cibo”, dell’aspetto sociale e territoriale del food e del food come “ricerca della qualità della vita”.
Elisa Ceccuzzi, sommelier di vino e di olio, privilegia nel suo blog l’utilizzo di prodotti locali e genuini, evitando quelli della grande distribuzione.
Angela Galasso parla dell’importanza della campagna, dell’agricoltura etica e della filiera corta e del premio Agricoltura Civica Award, giunto alla terza edizione, che invita le realtà che praticano esperienze di agricoltura sociale e civica a raccontarsi attraverso i canali social. Infine con Enrico Erba si parla di biologico e, in generale, di pratiche economiche a basso impatto ambientale, quali sono appunto quelle della Città dell’Altra Economia.
L'aperitivo al foodttt/rm, foto via @SaraminaC“Portata finale” del #foodttt è l’incontro tra food e digitale, ovvero ”cibo, foto e social media”.
E qui ritornano le domande che già mi ponevo da tempo: perché questo boom del foodporn?
E quanto influiscono le foto dei piatti scattate e condivise sui social nella scelta di un ristorante? Tanti sono gli interventi ma alcune opinioni sembrano mettere tutti d’accordo: l’immagine del food via social è fondamentale, invoglia e porta all’acquisto e veicola emozioni ma non può viaggiare senza un contenuto di qualità, sia esso un parere personale, una ricetta o una recensione.
Come afferma Alessandro Nasini, ospite in sala e foodblogger di burroealici.it, “non basta mettere un post o una foto accattivante con il solo scopo pubblicitario o per una ricerca di sponsor e notorietà, il messaggio deve sempre essere sincero”.
Anche Giulio Riotta afferma che “la foto può far vendere senza essere pubblicità
L'aperitivo al foodttt/rmCongedati gli ospiti il #Foodttt è proseguito con il #foodgame, divertente caccia al tesoro “food” con indizi e premi (novità di questa edizione) e con il consueto e appetitoso aperitivo con Caffè Boario e Spazio Bio della Città dell’Altra Economia, oltre naturalmente a tante foto e tante chiacchiere!
In conclusione possiamo affermare che il cibo è cultura ed emozioni e il social media, se saggiamente dosato e utilizzato, si dimostra essere uno strumento potentissimo e indispensabile; che non manchino mai però buoni contenuti, voglia di mettersi in gioco e di interagire, senso critico… e, perché no, anche voglia di divertirsi!
E voi, che ne pensate?
Ivana De Innocentis (“Capo Invader”)
4 commenti
  1. La comunicazione sul web è il futuro. Lavoriamo insieme per farlo capire proprio a TUTTI 🙂 Grazie del post.

    • Ben detto! Uniamo le forze per far comprendere il valore delle “invasioni social” in ambito food così come in tanti altri settori! Ancora complimenti per l’intervento e per le tue bellissime foto!

  2. Ottima sintesi, a partire dal titolo!

    E’ stata una bella esperienza poter incontrare e dialogare con persone legate al tema #Food e provenienti da ambiti diversi.
    Bella l’interazione tra tutti i presenti 🙂

    “Estetica, etica e viralità” riassumono perfettamente i temi trattati e l’approccio proposto dalle esperienze raccontate dagli ospiti.

    Grazie ancora a Città dell’Altra Economia per aver ospitato l’evento!

    Grazie Invaders, brava Ivana!

    • Grazie per il bellissimo commento e per i complimenti! Confesso, la sintesi non è stata facile, gli argomenti di grande interesse erano tanti, grazie a ospiti di qualità e alle tue domande e osservazioni che hanno lanciato ottimi spunti di conversazione e interazione! Talmente tanti che ho già in mente un altro post a tema food 😉
      Complimenti a te e a tutti i partecipanti!
      Ivana

Scrivi un commento